Ghiaccio alle corti mesopotamiche

archeoricette

Siamo in estate. Fa caldo. Agogniamo bevande rinfrescanti con il bicchiere pieno di ghiaccio. Solo l’idea ci disseta.

Nell’antichità come avrebbero fatto? Nel 1750 a.C. esisteva il ghiaccio ad uso alimentare per rinfrescare cibi e bevande?

4636540-Acqua-di-vetro-con-ghiaccio-e-limone-isolato-su-bianco-Archivio-Fotografico

L’antico sito di Mari, posizionato sul lato occidentale del fiume Eufrate, nell’attuale territorio della martoriata Siria, restituisce informazioni decisamente interessanti per l’uso del ghiaccio. state leggendo bene: ghiaccio!

A Mari, negli anni Trenta, gli archeologi hanno rinvenuto circa ventimila (20.000) tavolette d’argilla scritte in cuneiforme accadico, provenienti dall’archivio reale di Mari e in particolare risalenti al  periodo del regno di Zimri – Lin, 1750 a.C. circa.

I testi delle tavolette riguardano diversi aspetti dell’amministrazione e della vita del palazzo, compresi anche quello di vita quotidiana e delle abitudini alimentari.

Una di queste tavolette ha come argomento il ghiaccio che Zimri-Lin utilizzava per le sue bevande estive, a base di birra, vino e bibite d’orzo…

View original post 75 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.